IL PARTIGIANO GIOVANNI ACCOMASSO

IMG_7745

Giovanni Accomasso nel soggiorno di casa

90 anni, partigiano, nome di battaglia Giacu. Ho parlato con lui per due ore cercando di capire la sua storia e la sua militanza. La sua è una delle tante avventure che ho voluto raccontare per ricordare ed esaltare la memoria di un uomo che ha fatto parte della resistenza.

Giovanni proviene da una famiglia povera. Durante gli anni della guerra, abitava in una casa di due stanze (camera e cucina) insieme alla sua famiglia. La carenza di cibo lo porta da bambino a frequentare la Chiesa, grazie alla presenza del prete che dopo la comunione, dava da mangiare ai ragazzi. Giovanni lo dice in tono scherzoso, lui diventerà un ateo convinto e questa parentesi è stata data dalla necessità di avere un piatto caldo ma non ha influito sulla sua formazione.

Siamo nella primavera del ‘44, Giovanni ha 18 anni e inizia a sentire lo spirito e il movimento antifascista da alcuni abitanti del quartiere. Ha un animo ribelle e non ha nessuna intenzione di unirsi al movimento RSI, la Repubblica Sociale italiana, guidata da Mussolini.

A quell’età lavorava in un panificio e ricorda il suo primo incontro diretto con un fascista. Erano le 2 del pomeriggio e Giovanni esce dal lavoro dopo aver finito un turno di notte di 12 ore. Incontra un corteo fascista, viene fermato e invitato ad unirsi a loro. Ma Giacu è stanco, ha appena finito di lavorare e si rifiuta, sostenendo di dover andare a dormire. Il corteo avanza, c’è confusione la fortuna lo aiuta e viene lasciato andare. Ma la paura di essere costretto a fare qualcosa che non condivide esiste. Ricorda i bombardamenti su Torino, la gente che scappava nei prati e le prime bestemmie lanciate contro Mussolini. La situazione italiana peggiora, il movimento fascista è ormai radicato, vivere a Torino è sempre più difficile e per questo, anche grazie alle sue conoscenze, decide di lasciare Torino e dirigersi verso le montagne, unendosi alla resistenza.

IMG_7752

Giacu guarda una foto insieme al tenente Priamo

Lasciare la città non è facile. Sulla strada verso Venaria vi sono posti di blocco e le guardie fermano chiunque decida di allontanarsi. Per raggiungere Varisella pensa ad un piano: usare un tandem, insieme a Carla Levi, ebrea e amica di famiglia. La scelta della bici è strategica: quando un uomo e una donna venivano fermati dalle guardie potevano sostenere di essere una coppia in gita per un pic nic e passare inosservati.

L’idea funziona e riescono a fuggire.

I controlli dei soldati per impedire di arruolarsi con la resistenza sono serrati. Qualche vicino aderente all’ideologia fascista, segnala la mancanza di Giovanni da casa e le guardie si dirigono all’appartamento dei genitori per monitorare la situazione. Il padre nega di sapere dove si trova il figlio e per alcuni giorni l’abitazione rimane sotto sorveglianza dai soldati in borghese che sperano di catturare Giovanni. Ma Giacu è ormai lontano e ha raggiunto le montagne.

Nonostante l’età avanzata le sue memorie sono ancora lucide. Ricorda il primo giorno di guardia in torretta. Giacu non aveva fatto il militare, era giovane e inesperto e non sapeva neanche usare un’arma. Nonostante questo, viene messo di guardia a controllare la valle con un fucile e delle bombe. Nella sua permanenza in montagna incontrerà un amico del padre, Piero Luzzato detto Pierino il Lungo per la sua statura e insieme si uniranno al reggimento in bassa valle a Viù, con la 87 brigata.

Frequentare le formazioni partigiane lo inducono ad iscriversi al partito comunista aderendo con una tessera. Questo gesto fu un atto di coraggio se si pensa che durante il regime, chiunque non avesse la tessera del partito fascista era considerato un traditore. In questo modo Giucu, segna la sua fedeltà come combattente antifascista.

C’è un dettaglio non da poco che va ricordato nella storia dei partigiani. Non erano soldati ma persone comuni che scelsero di dedicarsi alla resistenza, operai, lavoratori dipendenti, contadini, artigiani, commercianti tecnici e professionisti. Non erano una forza militare organizzata, ma piccoli gruppi rudimentali, che non rappresentavano una vera minaccia per il regime. Il loro impegno era attivo sul fronte ideologico e la scelta di rifugiarsi nelle montagne era dettata dal sottrarsi al partito fascista. La lotta partigiana, prima di tutto è consapevolezza e ritrovo di molte persone attorno ad una idea. È una crescita politica e umana che induce al confronto. Molte persone che si unirono alla resistenza non possedevano un titolo di studio, erano povere e non avevano una preparazione culturale appropriata a capire ciò che stava accadendo. Il ritrovo nelle valli diventa quindi, un motivo di conoscenza. Se nel marzo del ‘43 iniziarono i primi scioperi delle fabbriche contro il fascismo a Torino, la svolta della resistenza arriva dopo l’8 settembre quando le autorità tedesche catturarono i soldati italiani rastrellati e deportati nei territori del Terzo Reich, quelli che verranno chiamati IMI, Internati Militari Italiani, circa 600mila persone. Dopo il disarmo, soldati e ufficiali vennero posti davanti alla scelta di continuare a combattere nelle file della RSI o in caso contrario, essere inviati nei campi di detenzione in Germania. Alcuni accettarono di combattere al fianco della Germania o della RSI per poi arrivare in Italia, disertare e arruolarsi con la resistenza.

Giovanni ricorda come la militanza era complicata: erano isolati e i metodi di comunicazione molto scarsi. Chi aveva la possibilità riusciva a connettersi e ascoltare “Radio Londra”, una stazione che trasmetteva le notizie e gli aggiornamenti sulla guerra. Ma la dittatura serrava le comunicazioni e spesso i partigiani vivevano nel caos o nell’incertezza di cosa fare e di come muoversi. Ad aiutarli vi erano le staffette partigiane, donne e civili che portavano notizie e spesso li salvavano dai rastrellamenti nazisti.

Il primo incontro chiamato “battesimo del fuoco” Giacu lo ricorda bene: i fascisti avanzano e iniziano i rastrellamenti nelle montagne per catturare coloro che avevano deciso di opporsi al regime. Siamo nell’autunno del ‘44 e nelle valle vi sono circa 600 partigiani armati. Gli operai dell’aereonautica fornirono ben 3 mitragliatrici da combattimento per tenere testa ai soldati, ma i partigiani sono in minoranza e inizia la ritirata. Chiedo a Giovanni, la classica domanda che spesso molti giovani gli fanno nelle scuole: Quanti fascisti hai ucciso? “Non lo so risponde. In quel momento non pensavo ad uccidere, ma a scappare, a salvare la pelle. Sparavo senza guardare, per mettermi in salvo”. Mi cita la frase di Bertolt Brecht “Felice il paese che non ha bisogno di eroi”.

IMG_7756

Giovanni Accomasso, 90 anni.

Siamo nell’autunno del 1944 e i militanti fuggiaschi si dirigono verso la Francia per cercare rifugio. Ma la situazione si complica. I francesi odiano gli italiani perché nel 1939 la Francia era allo sfascio, invasa dalla Germania e Mussolini ne approfittò per attaccarla. I partigiani italiani non vengono accolti bene e al primo blocco gli viene ordinato di lasciare le armi. A comandare il plutone italiano vi è il tenente Priamo Saramoglia che conosce il francese e riesce a fare da tramite spiegando la loro situazione. Stanno scappando, non sono invasori e chiedono di unirsi al movimento partigiano francese per unire le forze. A Grenoble incontrano gli alpini italiani e per un breve periodo condividono la lotta.

Gli alleati americani avanzano e nel 1945 Giacu, insieme al suo battaglione ritorna in Italia affiancato da altri francesi per gli ultimi atti di resistenza. A guerra conclusa lavorerà nella polizia ferroviaria per 5 anni grazie alla convenzione dei combattenti partigiani per poi andarsene e approdare alla Fira, Fabbrica Italiana Radiatori Automobili.

Chiedo a Giovanni qual’è stato il ruolo delle donne nella guerra. Lui ha molto rispetto e da risalto alla figura femminile, sostiene che il loro contributo fu fondamentale perché il loro ruolo di staffetta permetteva di essere informati e di comunicare. “Rischiavano la pelle più di noi” sostiene, assicurando la vita delle Brigate con cibo, indumenti, cure mediche, raccolta di denaro, ospitalità e propaganda, formando quelli che vennero definiti “Gruppi di difesa della donna”.

Giovanni mi ricorda un fatto triste quando dopo la liberazione del 25 aprile del ‘45 alle donne venne vietata la sfilata in quanto non riconosciute come combattenti. Al contrario, come racconta Beppe Fenoglio nel suo libro “23 giorni della città di Alba” alcune donne sfilarono in pantaloni e non in gonna, (era questo sovente il loro abbigliamento durante la resistenza), tra i commenti maschilisti dei cittadini che assistevano alla sfilata e dicevano: “Ahi povera Italia!”.

Foto di Alice Arduino 

Facebook Page: Alice Arduino Photography

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...