LA RIVOLUZIONE DELLA MOBILE PHOTOGRAPHY

Dai Social Media ai Selfie, la fotografia mobile ha cambiato il ruolo del fotografo e la sua visione di raccontare storie. I fruitori di immagini si fanno autori creando una moltitudine di foto pari a circa 880 miliardi all’anno di cui 350 milioni pubblicate su Facebook e 60 milioni su Instagram.
In questo nuovo panorama dove si colloca il fotografo professionista e qual è il suo ruolo?

Annunci

L’AURORA DELLE TRANS CATTIVE. IL NUOVO LIBRO DI PORPORA MARCASCIANO

La storia delle persone Transessuali non nasce nei buoni salotti borghesi o dentro le associazioni, ma sulla strada, nelle baracche, nelle carceri, nei manicomi. Qui si forma il loro orgoglio, il loro Pride! La vita per una persona trans negli anni ’70 era reato per il solo fatto di esserci. L’ultimo libro di Porpora Marcasciano ha uno stile ironico, sottile e tagliente e narra i momenti più goliardici, ma anche i più drammatici che hanno caratterizzato la vita e le lotte a Napoli, Roma e Bologna, tra clandestinità e prostituzione in quegli anni.

GENESI: LA MOSTRA DI SEBASTIÃO SALGADO

Sebastião Salgado è uno dei fotografi più famosi a livello mondiale. Alla Reggia di Venaria, inaugura la sua mostra “Genesi” dedicata alla natura, ai paesaggi, animali e popolazioni indigene. Genesi è la ricerca del mondo delle origini, la prova che il nostro pianeta include tuttora vaste regioni remote, dove la natura regna nel silenzio della sua magnificenza immacolata.

SEX WORKER: LA LIBERTÀ DI FARE LA PROSTITUTA

La Prostituzione è un lavoro, che utilizza il corpo delle donne per trarne profitto economico. Sebbene sia soggetta a sfruttamento, spesso viene svolta per scelta, per avere una indipendenza economica e soldi facili. Alcune prostitute si raccontano, rivendicando la libertà di scelta e la necessità di diritti e tutele contro le violenze.

LA RIVOLUZIONE DEL GENERE: UOMINI E DONNE IN EVOLUZIONE

Il genere supera la dicotomia uomo/donna diventando un continuo mutamento di identità. Solo modificando le abitudini culturali si modificheranno le oppressioni che esse producono e replicano. Questo cambiamento può avvenire se gli individui prendono coscienza delle proprie personali abitudini culturali e si impegnano a cambiarle. Un cambiamento culturale farebbe la differenza, permettendo accettazione, comprensione e rispetto verso tutt* i generi.

LA FOTOGRAFIA FEMMINISTA NELL’ITALIA DEGLI ANNI ‘70

L’arte e la fotografia femminista degli anni Settanta ha voluto lavorare sulla emancipazione della donna dando risalto al corpo come essenza non soggetta allo sguardo maschile, l’identità, come espressione dell’essere da fotografare e fotografato attraverso l’autoscatto, la frammentazione degli stereotipi di genere, e la critica ferrea ai mass media e le pubblicità che vedevano il predominio dell’uomo e la mercificazione della donna.