LA RIVOLUZIONE DELLA MOBILE PHOTOGRAPHY

Dai Social Media ai Selfie, la fotografia mobile ha cambiato il ruolo del fotografo e la sua visione di raccontare storie. I fruitori di immagini si fanno autori creando una moltitudine di foto pari a circa 880 miliardi all’anno di cui 350 milioni pubblicate su Facebook e 60 milioni su Instagram.
In questo nuovo panorama dove si colloca il fotografo professionista e qual è il suo ruolo?

Annunci

GENESI: LA MOSTRA DI SEBASTIÃO SALGADO

Sebastião Salgado è uno dei fotografi più famosi a livello mondiale. Alla Reggia di Venaria, inaugura la sua mostra “Genesi” dedicata alla natura, ai paesaggi, animali e popolazioni indigene. Genesi è la ricerca del mondo delle origini, la prova che il nostro pianeta include tuttora vaste regioni remote, dove la natura regna nel silenzio della sua magnificenza immacolata.

LA FOTOGRAFIA FEMMINISTA NELL’ITALIA DEGLI ANNI ‘70

L’arte e la fotografia femminista degli anni Settanta ha voluto lavorare sulla emancipazione della donna dando risalto al corpo come essenza non soggetta allo sguardo maschile, l’identità, come espressione dell’essere da fotografare e fotografato attraverso l’autoscatto, la frammentazione degli stereotipi di genere, e la critica ferrea ai mass media e le pubblicità che vedevano il predominio dell’uomo e la mercificazione della donna.

LA FOTOGRAFA CHE DOCUMENTÒ I TRAVESTITI: LISETTA CARMI

Lisetta Carmi è stata una fotografa attiva a Genova negli anni ’60 e ’70. Documenta i cambiamenti della città e indaga su quello che diventerà il suo lavoro più grande: il reportage sui travestiti. Ne delinea l’umanità, la sofferenza, l’emarginazione, le violenze, gli arresti. “Mi interessa lavorare per gli altri, tutta la vita ho cercato di dar voce a chi non c’è l’ha e sono stata dalla parte dei più umili” dichiara. La sua filosofia la accompagna per tutta la vita, arrivando anche ad aprire un centro spirituale in Puglia sugli insegnamenti del maestro indiano Babaji.

I CORPI NUDI NELLA FOTOGRAFIA DI ROBERT MAPPLETHORPE

Le immagini senza censura del fotografo americano Robert Mapplethorpe, famoso per le sue immagini esplicite di nudo maschile che fecero scalpore negli anni ’70. Una breve biografia della sua vita all’insegna di sesso e sadomaso, fino alla sua morte. Una vita intensa che ha segnato un epoca storica nel mondo della fotografia contemporanea.